Data: 14 – 28 marzo 2020. Luogo: Teatro Regina Margherita. Ore: 21.00

La XXIII Rassegna di Cinema di Montagna giunge al Teatro Regina Margherita per accompagnarci in fantastiche storie ed emozionanti avventure.

Sabato 14 marzo 2020

L’edizione 2020 della rassegna proposta dalla Pro Loco di Piedicavallo in collaborazione con CAI Biella e il Trento Film Festival si apre il 14 marzo con il documentario made in Piedicavallo Testa e Croce. 50 anni sul Monte Cresto (2019, Veronica Rosazza Prin): la storia della Croce del Cresto raccontata dai protagonisti di quella scalata di 50 anni fa.

La grand-messe (2018, Valéry Rosier, Méryl Fortunat-Rossi): un film sui tifosi che vengono ad applaudire il Tour de France, un film sui tornanti del leggendario Colle dell’Izoard, un film sui camperisti che si assicurano il loro posto con due settimane di anticipo. Un film sul nostro bisogno di appartenenza.

Sabato 21 marzo

Il secondo appuntamento della Rassegna di Cinema di Montagna ci porta in Norvegia, con Queen Without Land (2018, Asgeir Helgestad). Uno spettacolare film sull’incontro tra Frost, splendida mamma orso polare, i suoi cuccioli e un regista, a partire dal loro primo contatto nel 2013 alle Svalbard, e sulla loro lotta per la sopravvivenza, mentre il ghiaccio si scioglie a velocità record.

Con La leggenda del Lago della Vecchia: “la ragazza del lago incantato” (2019, Alfredo Minervini) si torna sulle nostre montagne.

Infine, l’arrampicatore e regista Renan Ozturk si reca ogni anno in pellegrinaggio ai paesaggi inospitali del ghiacciaio Ruth, in Alaska: con il compagno di cordata Alex Honnold, hanno puntato una magnifica via sul monte Dickey (Life Coach. 2017, Renan Ozturk).

Sabato 28 marzo

Hold Fast (2017, James Aikman): all’età di 54 anni, Conrad Anker e il suo amico Alex Wildman saliranno El Capitan, nella Yosemite Valley, sostenendosi a vicenda.

Il secondo film della serata si intitola Let’s go Antarctica! (2018, Gonzaga Manso). Carlos è un turista in vacanza in Antartide che non manca di immortalare con la sua macchina fotografica tutto quello che vede.

La XXIII Rassegna di Cinema di Montagna si chiude con Hansjörg Auer – No Turning Back (2017, Damiano Levati): nessuno ha esplorato l’arrampicata in solitaria come Hansjörg Auer, la cui memorabile impresa sulla “Fish route” ha segnato per sempre la storia di questo particolare tipo di alpinismo.